Io bloggo, tu blogghi…noi ci siamo!

Io bloggo, tu blogghi…noi ci siamo!

Aprile 4, 2019 2 di Giuseppe Lo Porto

Eccoci qua!

Da oggi mi riciclo in una nuova veste, quella di direttore editoriale (definizione esageratamente boriosa, auto celebrativa ed impropria!) di una testata blog che nasce con il preciso intento di dimostrare a noi stessi, innanzitutto, che ci siamo e continuiamo ad esserci, attenti ai cambiamenti ed alle mutazioni, vigili su quanto accade ed anche su quanto non accade.

Condivideremo con voi le nostre idee, i nostri commenti, discuteremo dei fatti di cronaca, di politica, di cultura locale.

Non abbiamo la pretesa di riuscire ad informarvi su tutto e tutti (non subito, almeno!).

Vogliamo, però, aprire una nuova finestra su Castellammare del Golfo e dintorni. Insomma, abbiamo l’ambizione di riuscire a dare altre voci, cercando altri punti di osservazione.

Per tale ragione, pur rivendicando con orgoglio e passione la nostre origini e mettendo i nostri ideali al centro delle nostre finalità, vogliamo coinvolgere chiunque voglia esprimere la propria opinione su ciò che quotidianamente accade.

Il mio ruolo sarà quello di moderatore, di stimolatore, di coordinatore, mai di censore o imbonitore.

I vostri commenti ai nostri articoli dovranno esclusivamente seguire le regole della buona educazione e del rispetto, arricchendo il dibattito con i vostri pensieri e le vostre riflessioni.

Vogliamo ben tenere separati i fatti dalle opinioni, le notizie dai commenti.

Sappiamo che questa è l’impresa più ardua che ci aspetta, ma metteremo in campo tutta l’onestà intellettuale che ci ha sempre contraddistinti per evitare di cadere nella tentazione di confondere il vero con il verosimile.

E adesso lanciamoci in questa avventura, dedicando a tutti noi la meravigliosa poesia ‘il lonfo”di Fosco Maraini. Godiamoci il suono e diamo un senso a questa lingua inventata, sicuramente più piena di significati rispetto al linguaggio vuoto di tanti amministratori e politici!

Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce
sdilenca un poco e gnagio s’archipatta.

È frusco il Lonfo! È pieno di lupigna
arrafferia malversa e sofolenta!
Se cionfi ti sbiduglia e ti arrupigna
se lugri ti botalla e ti criventa.

Eppure il vecchio Lonfo ammargelluto
che bete e zugghia e fonca nei trombazzi
fa lègica busìa, fa gisbuto;

e quasi quasi in segno di sberdazzi
gli affarferesti un gniffo. Ma lui zuto
t’alloppa, ti sbernecchia; e tu l’accazzi.

 

FOTO Giovanni Navarra