Volantini volanti

Volantini volanti

Aprile 10, 2019 2 di Giusi Navarra

Quando mi hanno chiesto di scrivere su questo blog, il mio primo pensiero è stato di scrivere circa
la mia esperienza sulla raccolta differenziata, in particolare a quando e perché cominciai a fare quella del vetro nel 2006 con l’ausilio delle campane colorate poste in giro per Castellammare.
Avrei voluto parlare di quanto sia importante farla per il benessere della collettività, della necessità
di insegnare ai figli che è un dovere non sprecare i beni che vengono prodotti con enorme
inquinamento del pianeta e che è opportuno inquinare il meno possibile.
Vi avrei scritto che non bisogna uniformarsi al comportamento degli altri, che bisogna fare sempre
ciò che si ritiene più giusto, anche se questo ci fa sentire “una goccia del mare”.
Poi mia figlia è tornata da scuola e mi ha raccontato della sua lezione di ecologia marina,
commentandola positivamente, ma con un pizzico di noia nel sentire sempre le stesse cose che
aveva ascoltato e riascoltato … forse anche da me!!!
Quindi non volendo annoiare nessuno, ho pensato che sarebbe stato più interessante lanciare uno
spunto di riflessione e se qualcuno lo vorrà, perché no, avviare una conversazione costruttiva allo
scopo di giungere a formulare dei suggerimenti da proporre all’Amministrazione per risolvere la
problematica in questione.
L’argomento “I volantini pubblicitari” che vengono lasciati a mucchietti dentro le buche
delle lettere (e non solo) fino a non consentirne più la chiusura, mettendo anche a rischio la “vera” posta in esse contenuta, che si stropiccia o si bagna in caso di pioggia, ma anche sulle soglie d’ingresso delle
case: che siano abitate o palesemente disabitate poco importa!!!
Cosa succede nelle giornate di vento?
E se poi piove? Tutta questa carta marcia andrà ad ostruire tombini e canali di scolo.
Che soluzioni si potrebbero proporre per eliminare questo spreco di carta ed il conseguente
inquinamento?
Io come soluzione avrei pensato alle bacheche americane per la distribuzione dei giornali
(ovviamente senza offerte di denaro!!!), che peraltro ricordo essere presenti anche in alcuni paesi
europei, da dislocare capillarmente su tutto il territorio castellammarese, dove chi è interessato può
tranquillamente prendere i volantini pubblicitari.
Dovrebbe costare meno ai commercianti ed in termini di inquinamento molto meno a tutti i
castellammaresi.
Il paese è nostro, di tutti noi, se è più bello il vantaggio è per tutti!!!
Alla prossima
Giusi (i pensieri … delle code della curva di Gauss)