Per un dialogo costruttivo

Per un dialogo costruttivo

Settembre 15, 2019 0 di Giuseppe Lo Porto

Un’altra estate è finita ed iniziano i primi bilanci di fine stagione. Ciascuno di noi, dal proprio punto di vista di amministratore o cittadino, di imprenditore o impiegato, di studente o pensionato si è fatto una propria idea di come è andata la stagione, quali novità positive o criticità consuete si sono evidenziate e ciascuno di noi dà responsabilità o meriti in base alla propria percezione.

Per non restare nella vaghezza delle critiche, e prendendo atto che chi accusa di negligenza o incapacità l’amministrazione ha vita facile poiché sono talmente tante le difficoltà cui va incontro un Sindaco o un Assessore nel voler soddisfare le esigenze di ciascuno, rischiando di lasciare insoddisfatti tutti, voglio uscire da tale vaghezza ed avviare una serie di approfondimenti sulle problematiche che evidenziamo con riflessioni pubblicate nelle altre pagine del nostro blog.

Lo scopo è semplice: supportare con proposte concrete quelle che sono le nostre critiche.

I miei approfondimenti derivano dal programma elettorale presentato per le precedenti elezioni amministrative, nascono come documento politico-amministrativo ed il taglio dato non è prettamente tecnico. Sarò ben felice di discutere con chiunque lo vorrà – amministrazione in primis – l’utilità di tali proposte, la fattibilità ed i benefici che a mio parere esse potrebbero dare.

La nuova rubrica di approfondimenti viene inaugurata da un primo argomento cardine della nostra estate castellammarese: il traffico nelle vie di accesso alla cittadina. Pur considerando che ci sono dei dati inconfutabili che vedono certamente uno sforzo dell’amministrazione di promuovere una fruizione più razionale del centro città in alcune fasce orarie (con l’adozione di una ZTL più ampia ed articolata rispetto a quella proposta da passate amministrazioni) ed un notevole rafforzamento del servizio di trasporto pubblico interno, numerose perplessità e critiche sono state sollevate ed io stesso più volte ho sollevato dubbi sulle scelte effettuate.

Da cosa nascono le mie critiche? Da un’idea diversa di gestione del problema. E per meglio argomentare questa mia idea vi invito a leggere il primo approfondimento